Anatomia di una rivoluzione. La logica della scoperta by Telmo Pievani

By Telmo Pievani

Show description

Read or Download Anatomia di una rivoluzione. La logica della scoperta scientifica di Darwin PDF

Similar italian_1 books

La Somma Teologica. Introduzione generale

Esemplare in buone condizioni. Copertina con tracce di polvere. Busta incollata in terza di copertina. Dorso scollato ma fermato da del nastro adesivo. Tagli bruniti e con polvere. Pagine brunite ai bordi. Testo in italiano e latino

Il mondo è una mia creazione

L’operato della mente ha attratto da sempre l. a. nostra attenzione, ma solo recentemente si è cominciato a capire qualcosa di concreto in merito. Siamo inoltre nell’epoca della psicologia, che coinvolge quotidianamente los angeles nostra conversazione, moltissime analisi condotte dai media e perfino l’intrattenimento.

Additional info for Anatomia di una rivoluzione. La logica della scoperta scientifica di Darwin

Example text

Nationalsozialismus und Bolschewimus, 1987; tr. it. a cura di F. Coppellotti, V. Ber­ tolino, G. Russo, Nazionalsocialismo e bolscevismo: la guerra civile europea 1917-1945, Rizzoli, Milano 19993. 22 Cfr. H. Arendt, The Origins of Totalitarianism, 1951; tr. it. a cura di A. Guadagnin, Le origini del totalitarismo, Einaudi, Torino 2004. E Luca Grecchi la ragione storica per farlo e perché stavano dalla «parte della Storia», ossia di quel «collettivo singolare»*23 che ha sosti­ tuito Dio a partire dall’età deH’Illuminismo.

Il motivo di ordine ontologico concerne il fatto che un Occidente può definirsi solo in relazione ad un Oriente, in quanto esso è sempre Occidente solo in rapporto a qualco­ s’altro, che però andrebbe contestualmente determinato. Il motivo di ordine storico-culturale concerne invece il fatto che, nel tempo, il concetto di Occidente è stato deli­ neato in modi fra loro molto differenti. Ripercorrendo le principali interpretazioni che nella storia del pensiero filosofico sono state date di questo concetto, J'?

Tuttavia, all’interno del clima individualistico del nostro tempo, riteniamo che la oggi dominante regola di latta assuma come riferimento una concezione di utilità mera­ mente indivudualistica. L’uomo, all’interno del pensiero dell’Occidente, è solo apparentemente al centro della riflessione. Il tema domi­ nante dell’antiumanesimo occidentale non è infatti la completa esclusione dell’uomo, bensì la centralità delle componenti peggiori e meno naturali dell’uomo stesso, le quali sono favorite da modalità sociali che agevolano la derealizzazione delle componenti razionali, morali e sim­ boliche invece costitutive della natura umana.

Download PDF sample

Rated 4.61 of 5 – based on 23 votes